Tecar: quello che non si dice sulle terapie vendute ai pazienti

Un approfondimento dovuto sulla scelta di non affidarsi alla tecarterapia.

Tecar: quello che non si dice sulle terapie vendute ai pazienti

Molto spesso riceviamo telefonate da pazienti che prima ancora di parlare del problema di cui soffrono chiedono se è possibile fare delle sedute di TECAR presso il nostro studio. A questa domanda rispondiamo sempre di no, affermiamo che il nostro studio non possiede alcun apparecchio medicale, che non fa parte e non farà parte in futuro delle nostre dotazioni tecniche.
Dal momento che la risposta può sembrare “decisa” e generare dubbi, è nostra abitudine spiegare i motivi della scelta ai nostri pazienti, visto che il compito di un operatore sanitario dovrebbe essere anche e soprattutto quello di informare ed educare i propri pazienti.
Preferiamo il “no, non ce l’abbiamo e se mi da due minuti le spiego anche il perché…” al “no, provi da un’altra parte”… anche perché in questi anni avremmo potuto investire senza problemi su questo macchinario (con tutto il business che ne sarebbe derivato) se non fossimo stati veramente convinti della nostra scelta.
Esiste un detto anglosassone nel mondo scientifico, forse un po’ eccessivo ma sicuramente pragmatico come solo i britannici sanno essere, che dice “Dimostralo oppure abbandonalo”. Ed è questo il motivo principale per cui, nonostante le molte offerte di acquisto da parte di innumerevoli venditori del settore e le altrettanto innumerevoli richieste e telefonate da parte dei pazienti non ce la siamo mai sentita di proporre questa terapia.

Riguardo questo macchinario, di cui negli ultimi 10 anni si è sentito parlare ovunque, sono in realtà pochissimi (solo 4) gli studi pubblicati in merito alla sua efficacia nell’ambito delle patologie muscolo-scheletriche, per di più su riviste di basso livello e con diverse criticità metodologiche.
Tra l’altro si tratta di articoli quasi tutti provenienti da autori italiani e senza approfondire il tema verrebbe da pensare ad una grandiosa scoperta nostrana. Cosa ne pensano però i maggiori esperti al mondo?
Se fosse una terapia innovativa non potrebbe non essere conosciuta anche all’estero da chi si occupa da anni di ricerca e trattamento in ambito muscolo-scheletrico. E invece nulla… all’estero non ne hanno sentito nemmeno mai parlare.
Lo testimonia un’intervista che ha condotto personalmente il dottor Alessandro Giannini e che potete leggere, insieme alle altre tre puntate di cui si compone il suo “J’accuse”, al link riportato in fondo all’articolo.

I migliori esperti al mondo nell’ambito delle tendinopatie (dott.ssa Jill Cook, autrice di più di 100 articoli scientifici), del mal di schiena (dott. Peter O’Sullivan, autore di quasi 600 articoli scientifici) e altri esperti di patologie della spalla (dott.ssa Jo Gibson) e di pubalgia (dott.ssa Enda King) non ne hanno mai nemmeno sentito parlare.
Un fenomeno tutto italiano, quindi, che troppo spesso è utilizzato e accettato nella pratica clinica e che dovrebbe quantomeno alimentare dei dubbi sull’effettiva efficacia, senza fare affidamento sul classico “Eppure funziona” frutto più di sensazioni personali che di reali studi scientifici alla base.
Sono questi i veri quesiti ancora non affrontati in ambito scientifico relativi all’uso della TECAR. Potrebbero sembrare quesiti di poco conto e invece sono necessari per stabilire che una Terapia “A” funzioni o meno rispetto ad una Terapia “B” o rispetto al non far nulla.

Per concludere non possiamo che essere totalmente d’accordo con il dottor Giannini: “Dobbiamo smettere di utilizzare la tecar? Io credo proprio di si”.
Almeno fino a quando non ci saranno studi pubblicati di buona qualità e rigore metodologico che ci facciano pensare il contrario, non ce la sentiamo di far spendere soldi ai nostri pazienti in terapie il cui effetto dipende solo nella fiducia che esse funzionino e che il paziente ci creda.

Per approfondimenti sui presunti meccanismi alla base del successo della TECAR vi invitiamo a leggere l’articolo del dott. Giannini che potete trovare al link seguente:
Link – Parte 4

Per gli altri approfondimenti sulle basi teoriche della TECAR e le altre “Puntate” della rubrica del dott. Giannini:

Link – Parte 1
Link – Parte 2
Link – Parte 3

Dott. Ft. OMPT Antonello Viceconti

Condividi:

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn4